Skip to main content

Crema per effetti collaterali cutanei da terapie oncologiche: quale consigliare ai tuoi pazienti

La dermatite da chemioterapia è un effetto collaterale comune e spesso fastidioso dei trattamenti antitumorali. Scegliere la crema giusta per alleviare i sintomi della dermatite e proteggere la pelle sensibile dei pazienti è fondamentale per migliorare la qualità della loro vita durante questo periodo critico. Ecco alcuni consigli su quali creme consigliare per la dermatite da chemioterapia:

Creme lenitive e calmanti:

Raccomandate creme lenitive e idratanti contenenti ingredienti naturali come aloe vera, camomilla o calendula. Questi ingredienti aiutano a ridurre il rossore, l’irritazione e l’infiammazione della pelle.

Creme barriera protettive:

Suggerite creme con proprietà barriera per proteggere la pelle dai danni esterni e mantenere l’idratazione. Ingredienti come burro di karité, olio di jojoba o ceramidi sono ottimi per questo scopo. La crema corpo emolliente Oncos è formulata per idratare, proteggere, lenire e migliorare le condizioni generali della pelle ed è particolarmente indicata in questi casi.

Creme riparative e rigenerative:

Consigliate creme che favoriscono la riparazione della pelle danneggiata e stimolano il processo di rigenerazione cutanea. Vitamine come la vitamina E o estratti di rosa mosqueta possono aiutare a migliorare la salute della pelle. La crema mani, piedi e unghie ristrutturante Oncos mantiene uno stato ottimale di idratazione e nutrimento ed è ottima da utilizzare tutti i giorni come trattamento ristrutturante.

Creme senza profumo e sostanze aggressive:

Evitate creme contenenti profumi o sostanze chimiche aggressive che potrebbero irritare ulteriormente la pelle sensibilizzata dalla chemioterapia. Optate per prodotti delicati e privi di ingredienti potenzialmente irritanti. Tutti i prodotti della linea Oncos sono formulati senza profumi o sostanze potenzialmente irritanti e sono ideali per pelli soggette a trattamenti chemioterapici.

Creme consigliate dai medici oncologi:

Quando possibile, basate le vostre raccomandazioni sulle indicazioni specifiche dei medici oncologi che seguono i pazienti. Chiedete consigli e approvazioni da parte del team medico per garantire che le creme consigliate siano sicure e appropriate per ogni paziente.
Oncos, comprende l’importanza di fornire ai pazienti prodotti dermocosmetici di alta qualità durante la chemioterapia. La nostra linea di creme per dermatite da chemioterapia è stata sviluppata con cura e attenzione per offrire sollievo efficace e sicuro dalla dermatite e dai sintomi cutanei correlati ai trattamenti oncologici. Scopri i benefici dei nostri prodotti Oncos, formulati per prendersi cura della pelle sensibilizzata in modo professionale e attento.

Prodotti per aiutare la rigenerazione la pelle durante la chemioterapia: quali scegliere?

Prodotti per aiutare la rigenerazione la pelle durante la chemioterapia: quali scegliere?

Durante il percorso di chemioterapia, la salute della pelle può essere messa a dura prova. E fondamentale utilizzare prodotti specifici per rigenerare e proteggere la pelle durante questo periodo delicato. Qui di seguito troverete utili consigli su quali prodotti scegliere per prendervi cura al meglio della vostra pelle stressata dalle terapie oncologiche.

 

Guida alla scelta dei prodotti per *rigenerare la pelle durante la chemioterapia

 

1. Creme idratanti ricche e nutrienti:

Le terapie antitumorali possono causare secchezza e disidratazione della pelle. Optate per creme idratanti ricche di ingredienti nutrienti come burro di karité, olio di cocco o acido ialuronico. Questi aiutano a ripristinare l’idratazione e a mantenere la pelle morbida e elastica.&nbsp La crema corpo emolliente Oncos è formulata per idratare, proteggere, lenire e migliorare le condizioni generali della pelle, ottima anche per massaggi rilassanti e rivitalizzanti.

 

2. Balsami lenitivi per labbra e mani:

Le labbra e le mani possono diventare particolarmente secche durante la chemioterapia. Scegliete balsami lenitivi a base di burro di cacao, olio di mandorle o aloe vera per nutrire e proteggere queste zone sensibili. anbsp;
La crema mani, piedi e unghie Oncos è ottima da utilizzare tutti i giorni come trattamento ristrutturante. La formula si assorbe velocemente e regala alle mani un’idratazione prolungata.

 

3. Gel e creme calmanti per il cuoio capelluto:

Se la chemioterapia provoca perdita di capelli o irritazione del cuoio capelluto, utilizzate gel o creme specifiche per lenire e idratare la pelle del cuoio capelluto. Prodotti con aloe vera o estratti di camomilla possono essere particolarmente efficaci. L’oliosecco
protettivo Oncos
 è ideale per ammorbidire e lenire la pelle e idrata senza ungere. Svolge un’azione lenitiva e calmante, nutre intensamente la pelle e riduce la desquamazione cutanea. E indicato anche per prurito e scottatura del cuoio capelluto in assenza di capelli o con peluria.

 

4. Detergenti delicati senza solfati:

Evitate detergenti aggressivi che possono irritare ulteriormente la pelle sensibilizzata. Optate per detergenti senza solfati e formulati con ingredienti naturali lenitivi come il detergente viso delicato per pelli sensibili Oncos.

 

5. Protezione solare adatta:

Anche se non state esposti direttamente al sole, è importante proteggere la pelle dagli effetti nocivi dei raggi UV durante la chemioterapia. Utilizzate creme solari ad ampio spettro con SPF elevato per proteggere la pelle sensibilizzata.

Ricordate di consultare sempre il vostro farmacista o medico prima di utilizzare nuovi prodotti durante la chemioterapia, specialmente se siete soggetti a reazioni cutanee o avete specifiche esigenze dermatologiche.

Presso Oncos, comprendiamo le sfide che i pazienti affrontano durante la chemioterapia e abbiamo sviluppato una linea di prodotti dermocosmetici appositamente formulati per fornire sollievo e rigenerare la pelle durante questo periodo. Siamo qui per supportarvi nella cura della vostra pelle delicata con soluzioni sicure ed efficaci.

Per ulteriori informazioni sui nostri prodotti e consigli personalizzati, non esitate a contattarci o a visitare la vostra farmacia di fiducia,

Cosmetici oncologici quali consigliare 

Cosmetici oncologici quali consigliare 

Nel mondo della dermocosmesi, la domanda più importante che ci poniamo è: quali cosmetici oncologici possiamo consigliare ai pazienti che stanno affrontando le terapie? Questo è un aspetto cruciale. I trattamenti antitumorali possono infatti avere un impatto significativo sulla pelle e sul benessere dei nostri pazienti.

Quando ci troviamo di fronte a pazienti che stanno lottando contro il cancro, è essenziale raccomandare prodotti dermocosmetici specificamente progettati per rispondere alle esigenze delle pelli sensibili, reattive e sensibilizzate


Quali cosmetici oncologici consigliare, a cosa fare attenzione


1. Idratazione intensa e lenitiva:

I trattamenti oncologici possono spesso causare secchezza e disidratazione della pelle. Consiglia prodotti idratanti che contengano ingredienti lenitivi e calmanti come l’aloe vera, l’acido ialuronico o l’olio di cocco. Questi aiutano a ripristinare l’idratazione e a ridurre l’irritazione. La crema corpo emolliente Oncos grazie alla sua formulazione delicata e i suoi ingredienti nutre, lenisce e idrata la pelle. Combatte la sensazione di prurito garantendo il rispetto del naturale mantello idrolipidico cutaneo (NMF).


2. Protezione solare sicura:

 La pelle dei pazienti oncologici può diventare più sensibile al sole a causa delle terapie. Raccomanda creme solari ad ampio spettro con fattore di protezione solare elevato (SPF 30 o superiore) che siano delicate sulla pelle e non ostruiscano i pori.


3. Detergenza delicata: 

Suggerire detergenti senza sapone o senza sostanze chimiche aggressive che possano irritare ulteriormente la pelle sensibilizzata. I prodotti a base di avena colloidale o estratti di camomilla sono ottimi per detergere delicatamente senza compromettere la barriera cutanea. Il detergente delicato Oncos è pensato per pelli sensibili e stressate da terapie oncologiche. Deterge delicatamente e contiene inoltre il principio attivo naturale derivato dal pepe di Sichuan che combatte la sensazione di prurito ed è un potente lenitivo e calmante.


4. Trattamenti calmanti per il cuoio capelluto: 

Molte terapie antitumorali possono causare irritazione e secchezza del cuoio capelluto. Consiglia shampoo e trattamenti specifici per il cuoio capelluto sensibile, formulati con ingredienti lenitivi. La linea Oncos ha formulato due prodotti, lo shampoo doccia delicato e l’olio secco protettivo.

Lo shampoo doccia è studiato per detergere la pelle in modo delicato, rispettando il naturale pH della pelle e l’equilibrio del mantello idrolipidico cutaneo. Lo shampoo è arricchito con cheratina e pantenolo e svolge un’azione idratante e ristrutturante.

L’olio secco protettivo è un prodotto versatile e un alleato per chi sta affrontando terapie oncologiche. Questo prodotto ha una consistenza leggera e delicata ed è ottimale per lenire e ammorbidire la pelle senza ungerla. Arricchito con un principio attivo naturale proveniente dal pepe di Sichuan, offre un’efficace azione lenitiva e calmante. Nutre inoltre profondamente la pelle e riducendo la fastidiosa desquamazione cutanea. È particolarmente indicato anche per alleviare pruriti e scottature del cuoio capelluto, sia in presenza di capelli che di peluria.


5. Make-up sicuro e naturale: 

Per i pazienti che desiderano utilizzare il make-up durante le terapie, suggerire prodotti make-up naturali e privi di ingredienti potenzialmente irritanti come profumi e coloranti artificiali. Cercare marchi che offrono fondotinta e correttori adatti alle pelli sensibili. La BB Cream di Oncos è adatta ad ogni tipologia e colorazione di pelle. Il prodotto BB Cream è una morbida emulsione che oltre a svolgere le tipiche attività di una crema giorno rende anche la pelle più uniforme e luminosa mimetizzando macchie e imperfezioni. La BB Cream è arricchita con un fattore di idratazione ricostruito (NMF) volto a favorire il rispetto del naturale mantello idrolipidico. Questo grazie alla Vitamina E e all’olio di Jojoba svolge un’importante azione emolliente, idratante, restituiva e protettiva sulla pelle.

Ricorda sempre di incoraggiare i pazienti a consultare il loro oncologo o dermatologo prima di iniziare qualsiasi nuovo regime di cura della pelle durante le terapie antitumorali. Oltre a consigliare i prodotti giusti, è fondamentale offrire supporto emotivo e informazioni pratiche per aiutare i pazienti a gestire i cambiamenti nella loro pelle durante questo periodo delicato.

Insieme, possiamo fare la differenza nel migliorare la qualità di vita dei pazienti oncologici attraverso raccomandazioni oculate di cosmetici oncologici adatti alle loro esigenze specifiche. È fondamentale rimanere un punto di riferimento affidabile per i pazienti.

Sei interessato alla tematica e vuoi avere più informazioni? Oncos offre un corso di formazione in e-learning per i farmacisti in cosmetica oncologica. Clicca qui per maggiori informazioni.

Vuoi diventare rivenditore Oncos? Contattaci.

Effetti chemioterapia sulla pelle: consigli e rimedi

Effetti chemioterapia sulla pelle

La chemioterapia è un trattamento medico potente utilizzato per combattere le cellule tumorali nel corpo. Ma quali sono gli effetti della chemioterapia sulla pelle? I farmaci chemioterapici possono influenzare anche le cellule sane, incluso il tessuto cutaneo. Gli effetti collaterali della chemioterapia sulla pelle possono variare da lievi a gravi. Con la giusta cura e consigli, è possibile affrontarli in modo più confortevole.

 

Consigli per prendersi cura della pelle durante la chemioterapia

Durante il trattamento di chemioterapia, è essenziale prestare particolare attenzione alla cura della pelle per ridurre e contrastare gli effetti della chemioterapia sulla pelle. Ecco alcuni utili consigli:

  • Idratazione: mantenere la pelle idratata è fondamentale. Usa creme emollienti come la crema corpo emolliente Oncos, per idratare delicatamente la pelle e prevenire secchezza e desquamazione;
  • Evitare sole e fonti di calore: la pelle può diventare più sensibile durante la chemioterapia. Proteggila dai raggi solari e da fonti di calore eccessive, come docce troppo calde;
  • Detergenza dolce: utilizza detergenti delicati come lo Shampoo Doccia delicato Oncos e senza profumi per pulire la pelle. Evita prodotti aggressivi che potrebbero peggiorare l’irritazione.
  • Indossare abbigliamento comodo: durante la chemioterapia, indossa abiti morbidi e traspiranti per ridurre l’attrito e l’irritazione cutanea.
  • Evitare rasature e depilazioni: tra gli effetti collaterali della chemioterapia c’è il fatto che la pelle può diventare più delicata e soggetta a irritazioni. Evita rasature e depilazioni, o consulta il medico per eventuali alternative.

Gli effetti della chemioterapia sulla pelle possono essere gestiti efficacemente con una corretta cura cutanea. I consigli per la cura della pelle durante la terapia possono aiutare a ridurre i sintomi cutanei e a migliorare il comfort. L’utilizzo dei prodotti Oncos offre una soluzione mirata per contrastare gli effetti collaterali cutanei delle terapie oncologiche, fornendo un supporto prezioso durante il percorso di cura dei pazienti affrontando la chemioterapia.

Radioterapia Palliativa: quanto dura e cos’è

Radioterapia Palliativa

La radioterapia palliativa quanto dura? È una delle domande più ricorrenti. Ma prima di capire quanto dura la radioterapia palliativa è meglio capire cos’è.

 

Cos’è la Radioterapia Palliativa?

Una forma di trattamento medico che mira a migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da condizioni oncologiche avanzate. A differenza della radioterapia curativa, la radioterapia palliativa ha l’obiettivo di alleviare i sintomi, ridurre il dolore e migliorare il comfort del paziente. Questo senza però mirare alla guarigione completa.

Quindi è una forma di trattamento medico che mira a migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da condizioni oncologiche avanzate. A differenza della terapia curativa, la palliativa ha l’obiettivo di alleviare i sintomi, ridurre il dolore e migliorare il comfort del paziente senza mirare alla guarigione completa.

 

Quanto dura la Radioterapia Palliativa?

La durata della radioterapia palliativa può variare a seconda del tipo di tumore, delle condizioni del paziente e degli obiettivi terapeutici. A differenza della curativa che si svolge su diverse settimane, la palliativa può essere completata in un numero più ridotto di sessioni. In alcuni casi, potrebbero essere sufficienti una o due sessioni, mentre in altri casi, il trattamento può richiedere diverse settimane. Potrebbe interessarti l’articolo: Radioterapia quanto dura.

 

Scopo e benefici della Radioterapia Palliativa

Questo tipo di radioterapia è utile per affrontare una serie di sintomi e complicazioni associate ai tumori avanzati. Può essere utilizzata per ridurre le dimensioni di tumori che causano ostruzioni o pressione su organi vitali. Migliorando così la respirazione o il funzionamento degli organi. Inoltre, la terapia palliativa può aiutare a ridurre il dolore causato dai tumori o da metastasi ossee.

 

Gli obiettivi principali della terapia includono:

  • Riduzione del dolore e dei sintomi associati alla malattia;
  • Miglioramento della funzionalità e della qualità della vita;
  • Aiuto nella gestione delle complicazioni derivanti dalla crescita del tumore;
  • Fornire un supporto per il benessere psicologico del paziente e dei familiari.

In sostanza, questo tipo di radioterapia è un trattamento mirato a migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da tumori avanzati o in fase terminale. La radioterapia palliativa quanto dura? La durata può variare, ma l’obiettivo principale è fornire comfort e sollievo dai sintomi. Con il supporto medico e psicologico appropriato questa terapia può aiutare i pazienti a vivere meglio e più confortevolmente durante il loro percorso di malattia.

Radioterapia polmone effetti collaterali

Radioterapia polmone effetti collaterali

La radioterapia polmonare è un trattamento medico utilizzato per affrontare diverse condizioni del polmone, come il cancro ai polmoni e altre patologie polmonari. Durante questo trattamento, le radiazioni ionizzanti vengono dirette verso la zona colpita del polmone, mirando a distruggere le cellule tumorali e ridurne la crescita. Tuttavia, come per molti trattamenti oncologici, la radioterapia al polmone può causare effetti collaterali significativi.

 

Gli effetti collaterali comuni della radioterapia ai polmoni

Gli effetti collaterali della radioterapia al polmone possono variare da persona a persona, ma alcuni sintomi comuni includono affaticamento, irritazione della pelle nella zona trattata, tosse, difficoltà respiratorie e irritazione della gola. Alcuni pazienti possono sperimentare nausea, perdita di appetito e cambiamenti nel gusto. È importante ricordare che questi sintomi sono generalmente temporanei e che il medico seguirà da vicino il paziente durante tutto il trattamento per gestire al meglio gli effetti collaterali della radioterapia al polmone.

 

Gestire gli effetti collaterali durante il trattamento

Per gestire gli effetti collaterali della radioterapia polmonare, il paziente dovrebbe seguire attentamente le istruzioni del medico e dello staff medico. È fondamentale comunicare tempestivamente qualsiasi cambiamento nei sintomi o nuovi disturbi che possono insorgere durante il trattamento. Alcuni accorgimenti pratici, come evitare l’esposizione al fumo di sigaretta e agli inquinanti atmosferici, possono contribuire a ridurre il rischio di complicazioni.

 

L’importanza del supporto medico e psicologico durante la radioterapia al polmone

Affrontare la radioterapia polmonare può essere emotivamente e fisicamente sfidante. Pertanto, è cruciale avere un supporto adeguato sia dal punto di vista medico che psicologico. I medici e gli infermieri specializzati possono fornire informazioni rassicuranti, affrontare le preoccupazioni del paziente e fornire opzioni per alleviare gli effetti collaterali della radioterapia al polmone. Allo stesso tempo, il supporto psicologico può aiutare il paziente a gestire lo stress e l’ansia associati al trattamento.

La radioterapia polmonare è un trattamento efficace per diverse condizioni polmonari, ma può causare effetti collaterali significativi. La comprensione di ciò che ci si può aspettare durante il trattamento e la collaborazione con il team medico possono rendere il processo più gestibile. Con il giusto supporto e monitoraggio, i pazienti possono affrontare la radioterapia al polmone con una maggiore sicurezza e ottimismo riguardo al loro percorso di guarigione. Potrebbe interessarti anche questo articolo correlato, Quanto dura la radioterapia.

Cheratolisi plantare: cos’è

Cheratolisi plantare

La cheratolisi plantare è una condizione dermatologica comune che colpisce la pelle dei piedi, in particolare la pianta. È caratterizzata dalla comparsa di piccole macchie biancastre o giallastre sulla superficie della pelle, che possono gradualmente diventare più grandi e sviluppare un aspetto coriaceo.

 

Quali sono le cause della cheratolisi plantare?

La causa esatta della cheratolisi plantare non è ancora completamente compresa, ma si ritiene che sia associata a un’eccessiva proliferazione batterica nella zona interessata. L’umidità e il calore presenti all’interno delle calzature possono creare un ambiente ideale per la proliferazione dei batteri, che a loro volta possono danneggiare la cheratina, una proteina presente nella pelle.

 

Quali sono i sintomi della cheratolisi plantare?

I sintomi tipici della cheratolisi plantare includono prurito, bruciore, dolore e sgradevole odore dei piedi. Le macchie biancastre o giallastre possono apparire sbriciolate o avere bordi irregolari. La condizione tende a verificarsi più frequentemente nelle persone che trascorrono molto tempo con le scarpe chiuse o strette, soprattutto durante i mesi estivi.

 

Come trattare la cheratolisi plantare?

Per trattare la cheratolisi plantare, è importante adottare una serie di misure preventive e curative. Innanzitutto, è consigliabile mantenere i piedi puliti e asciutti, evitando di indossare calzature strette o sintetiche. È preferibile utilizzare calzature traspiranti e calze in fibre naturali che assorbono l’umidità. È inoltre consigliabile cambiare calze e scarpe regolarmente, soprattutto se si suda molto.

Per quanto riguarda il trattamento, possono essere utilizzati prodotti specifici, come creme o lozioni antimicotiche, che aiutano a ridurre la proliferazione batterica e a ripristinare l’equilibrio cutaneo. Tra i prodotti disponibili sul mercato, quelli del brand Oncos possono offrire un valido supporto, come la crema mani, piedi e unghie formulata appositamente per contrastare le infezioni fungine e batteriche e aiutando a ridurre il prurito.

È inoltre consigliabile consultare un dermatologo per una valutazione accurata e un trattamento personalizzato. In alcuni casi, potrebbe essere necessario l’uso di farmaci topici o orali per combattere l’infezione e ridurre l’infiammazione.

Dolore dopo radioterapia: cause e rimedi

Dolore dopo radioterapia - Oncos

La radioterapia è un trattamento comune utilizzato per combattere il cancro. Sebbene sia un’opzione terapeutica efficace, può causare alcuni effetti collaterali, tra cui il dolore dopo la radioterapia. Questo dolore può essere fastidioso e influire sulla qualità di vita dei pazienti. Ecco le cause del dolore dopo la radioterapia e alcuni rimedi che possono aiutare ad alleviarlo.

Rimedi per gestire il dolore post terapia

Il dolore post radioterapia può manifestarsi in diverse forme e intensità. Questo a seconda dell’area del corpo trattata e delle dosi di radiazioni somministrate. Le cause comuni del dolore includono l’infiammazione dei tessuti circostanti, la lesione dei nervi e la formazione di cicatrici.

Per gestire il dolore dopo la radioterapia, è importante adottare una serie di misure. Prima di tutto, è consigliabile consultare il medico che ha eseguito la radioterapia per valutare l’intensità del dolore e identificare eventuali complicanze. Il medico potrebbe prescrivere farmaci antidolorifici specifici o raccomandare l’uso di creme o gel topici per alleviare l’infiammazione e ridurre il dolore. Ricorda di consultare sempre il tuo medico o farmacista prima di procedere con l’assunzione di farmaci o l’inizio di terapie.

Dolore dopo radioterapia: i prodotti Oncos

I prodotti Oncos possono offrire un supporto efficace, soprattutto se si tratta di infiammazioni. I prodotti della linea Oncos sono formulati per la cura della pelle appositamente per le persone che affrontano gli effetti collaterali della radioterapia. Questi prodotti contengono ingredienti lenitivi e idratanti che possono aiutare ad alleviare il dolore e migliorare la guarigione della pelle.

Rimedi Naturali

Oltre all’uso di prodotti specifici, altre strategie per alleviare il dolore dopo la radioterapia includono l’applicazione di impacchi freddi sulla zona trattata per ridurre l’infiammazione, l’adozione di tecniche di rilassamento come la meditazione e la respirazione profonda, e il coinvolgimento in attività che distraggono dal dolore, come l’ascolto di musica o la lettura di un libro.

È importante ricordare che il dolore post radioterapia può variare da persona a persona, quindi è fondamentale comunicare con il medico per individuare il miglior approccio di gestione del dolore in base alle esigenze individuali.

Il dolore dopo la radioterapia è un effetto collaterale comune che può influire sulla qualità di vita dei pazienti. È importante identificare le cause del dolore e adottare un approccio mirato per alleviarlo. Consultare sempre il medico per una gestione adeguata del dolore e seguire le indicazioni fornite dal professionista sanitario.

Tumore del sangue: cos’è?

tumore al sangue

Il tumore del sangue, anche conosciuto come tumore ematologico, è una forma di cancro che colpisce le cellule del sangue e del midollo osseo. Questo tipo di cancro può essere molto aggressivo e può causare diversi sintomi, come affaticamento, pallore, perdita di peso, febbre e sudorazione notturna.

I tumori del sangue si sviluppano quando le cellule del sangue mutano e iniziano a crescere in modo incontrollabile. Queste cellule anomale possono diffondersi in tutto il corpo attraverso il flusso sanguigno e il sistema linfatico, causando danni ai tessuti e agli organi.

 

Quali sono i tipi di tumori del sangue?

Ci sono diversi tipi di tumori del sangue, tra cui il linfoma, il mieloma multiplo e la leucemia. Ognuno di questi tumori ha sintomi e trattamenti diversi e richiede un approccio terapeutico specifico.

Il linfoma

Il linfoma è un tumore del sistema linfatico che colpisce i linfociti, le cellule del sangue che aiutano a combattere le infezioni. Può manifestarsi in diversi modi, ma in genere si presenta con la comparsa di linfonodi ingrossati, febbre, sudorazione notturna e perdita di peso.

Il mieloma

Il mieloma multiplo è un tumore del midollo osseo che colpisce le cellule plasmatiche. Questo tumore può causare dolore alle ossa, perdita di peso, stanchezza e compromissione della funzionalità renale.

La leucemia

La leucemia è un tumore del sangue che colpisce le cellule ematiche. Questo tipo di cancro può causare una serie di sintomi, tra cui affaticamento, febbre, sudorazione notturna, ecchimosi e sanguinamenti.

Il trattamento dei tumori del sangue dipende dal tipo di cancro e dallo stadio di sviluppo. I trattamenti possono includere la chemioterapia, la radioterapia, il trapianto di cellule staminali e la terapia mirata. Scopri gli effetti collaterali della radioterapia.

È importante diagnosticare e trattare i tumori del sangue il prima possibile per aumentare le possibilità di guarigione.

Creme per malati oncologici: scopri la linea Oncos

creme per malati oncologici - Oncos

Scegliere le creme, per i malati oncologici, è di fondamentale importanza per prendersi cura della propria pelle in maniera adeguata. Le terapie, infatti, possono causare diversi danni e lesioni all’epidermide. Questo fa insorgere problematiche quali la secchezza cutanea, colorito spento, infiammazioni, dermatiti o anche rash cutanei.

 

Creme per malati oncologici: come sceglierle?

Quando si affronta una terapia bisogna seguire una beauty routine specifica. Le parole d’ordine sono: detergere, idratare e lenire!

Primo step: la detersione

La scelta deve ricadere su prodotti per la detergenza delicati che contengono principi non aggressivi e dal basso potere schiumogeno. Questo per la salvaguardia del film idrolipidico. Per il viso, ad esempio, puoi usare il Detergente viso idratante, una delicata emulsione che contiene un mix di vitamine ad azione illuminante, protettiva e idratante. Grazie al principio attivo derivato dal Pepe di Sichuan combatte la fastidiosa sensazione di prurito. Ricco di preziosi oli vegetali ha una forte azione emolliente.

Secondo step: l’idratazione

Idrata, idrata e ancora idrata! Nutri la pelle per contrastare secchezza, prurito e infiammazioni. Scegli prodotti dalle proprietà idratanti e nutritive che possano ripristinare l’equilibrio idrico della pelle. Puoi scegliere, ad esempio, l’Olio corpo Oncos, un olio dalla texture leggera perfetto per lenire e ammorbidire la pelle. Ricco di Olio di Argan, Olio di Mandorle dolci, Olio di Riso e Avocado e Pepe di Sichuan quest’olio è perfetto per mantenere la pelle morbida come quella di un bambino!

Terzo step: lenire

Le terapie possono provare diversi arrossamenti, per questo devi sempre inserire nella tua beauty routine un prodotto capace di lenire la pelle in modo accurato e profondo. La Crema Salvaven Oncos è un prodotto sperimentale formulato in collaborazione con il reparto di oncologia per idratare, proteggere e mantenere integra la pelle e le vene sottostanti nelle zone soggette e forte stress. Il suo elevato mix di principi attivi specifici è in grado di aiutare e salvaguardare la cute e il derma, favorendo il processo rigenerativo e ristabilendo elasticità e tono dei tessuti.

 

Creme per malati oncologici: come applicare le creme Oncos?

Fase 1: prima e durante la terapia

Ti consigliamo di applicare i prodotti Oncos due volte al giorno, massaggiandoli fino al loro completo assorbimento. Per tutta la durata della terapia, usa la Crema Salvaven: applicala su entrambe le mani e polsi, per evitare i possibili danni causati dalla cannula per l’infusione, così da curare una mano e preparare l’altra per il prossimo trattamento.

Fase 2: dopo il ciclo

Durante la mattina, la sera e il giorno puoi usare lo Shampoo Doccia e poi applicare la Crema restitutiva mani, piedi e unghie. Durante il giorno, invece, usa l’Olio Oncos, anche più volte per una detersione perfetta!